Archivio →
21 maggio 2017

Nel mare… un fiume!

Milano è grande e ieri abbiamo visto i milanesi e chi milanese non è.di Giulio Trevisani

18557249_10212721764549712_5126444059992778401_nTra quel mare che custodisce i corpi di oltre 30.000 esseri umani che sono bambini, donne e uomini che non ce l’hanno fatta a toccare terra, il 20 maggio un fiume immenso ha invaso Milano.

Noi abbiamo invaso gioiosamente Milano.
Noi abbiamo cantato e ballato tra mille colori a Milano.
Noi abbiamo fatto di Milano una città ancora migliore.

Milano che è avanti, che precorre, che immagina e compie concretamente atti e azioni. Non solo parole ma fatti.

E i centomila di ieri sono e resteranno un fatto.
O a Milano ci sono centomila radical chic?

Non sta certo a me e alla nostra Associazione aprire un dibattito su “chi” c’era e da dove proveniva ma credo, dopo oltre sessant’anni che ci vivo in questa città, di non avere mai avuto contezza di centomila snob e parvenu che avrebbero ieri partecipato e alimentato questo immenso fiume.

Ma sta a me in questa sede, e ne sono orgoglioso e fiero, ringraziare Pierfancesco Majorino perché ha testardamente voluto questo 20 maggio e i suoi collaboratori e amici tutti con lui.

E citando Majorino: E’ ora di smetterla di contrapporre i poveri di questo Paese come chi è in disagio economico e sociale, dando la responsabilità a chi arriva scappando dal terrore, dalla fame, dalla morte

E’ ora, dico io, di occuparsi anche di chi è in disagio che sia immigrato, rifugiato o italiano.

Perché siamo tutti uguali e tutti abbiamo gli stessi diritti e doveri quando stiamo sul suolo del nostre Paese!